Stefania ci racconta la sua prima volta su Walà

 

Abbiamo chiesto ad alcuni utenti di raccontarci la loro prima esprienza su Walà. Ecco cosa ci ha risposto Stefania.

 

 

consegna a domicilio milano

 

Ciao Walà, mi chiamo Stefania, sono di Milano e vi scrivo per raccontarvi la mia esperienza con Walà. Tutto è iniziato il giorno in cui mi è stata regalata una macchina del caffè Nespresso.  Davvero un bellissimo regalo, soprattutto per chi come me al mattino fatica a trovare la porta del bagno. Sono una di quelle che il caffè se l’è sempre fatto con la macchinetta della nonna, ma da quel momento è andata in pensione ed è  iniziata la mia relazione instabile con il modo delle capsule per il caffè.

 

 

Tralasciando i prezzi esorbitanti, da quando ho la macchina del caffè rimango quasi sempre senza caffè in casa. E non è servito a niente rifornirmi di 2 pacchi da 100 l’ultima volta. L’altra mattina, come ormai accade di consueto, suona la sveglia e mi trascino fino in cucina, accedo la macchina, attendo che la luce smetta di lampeggiare e infilo la mano nella scatola. Dramma! Nemmeno una cialda. A questo si aggiunge il problema della macchina, portata a demolire la settimana scorsa. Abitando in periferia a Milano il supermercato più vicino è a più di 3 km. Decido, senza caffeina in corpo, di farmela a piedi. Arrivo al supermercato, compro le cialde, e ciondolando torno a casa.

 

 

Arrivata a casa mi ritrascino verso la macchinetta e mi accingo a scartare la famosissima cialda di caffè quando… aprendo la confezione mi accorgo che è almeno 2 volte più grande di quelle compatibili con la mia macchina del caffè. Maledico la cialda, la macchinetta, me stessa e il natale. E’ in quel momento che ho scoperto Walà.

 

 

Tempo 1 ora e ha bussato alla mia porta un ragazzo con una confezione di cialde . Non vi dico l’amore che ho provato in quel momento, per quel ragazzo, per quelle cialde, per quell’app e chi l’ha inventata. Ho voluto scrivervi perché il mondo deve conoscervi!

Grazie regazzi!

 

 

 

 

 

SCARICA L’APP: